RESTO AL SUD: AMPLIATI I BENEFICIARI

Con il Decreto n. 134 del 5 agosto 2019 è stata ampliata la platea di beneficiari dell’incentivo denominato “Resto al Sud“, che mira a sostenere la nascita di nuove attività imprenditoriali nelle regioni del Mezzogiorno: l’accesso alle agevolazioni sarà ora consentito ai liberi professionisti fino a 45 anni di età (limite precedente: 35 anni)

Il Decreto, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 23 novembre 2019, entrerà in vigore dal 8 dicembre 2019.

BENEFICIARI DELLA MISURA Potranno presentare domanda di ammissione alle agevolazioni tutti coloro i quali:

  • abbiano tra 18 e i 45 anni;
  • siano residenti in Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia al momento della presentazione della domanda;
  • qualora non residenti, trasferiscano la propria residenza nelle suddette regioni dopo la comunicazione di esito positivo;
  • non abbiano un rapporto di lavoro a tempo indeterminato per tutta la durata del finanziamento.

Possono presentare richiesta di finanziamento le società, anche cooperative, le ditte individuali costituite successivamente alla data del 21 giugno 2017, o i team di persone che si costituiscono entro 60 giorni (o 120 se residenti all’estero) dopo l’esito positivo della valutazione, che operino nei seguenti settori:

– produzione di beni per industria, artigianato, trasformazione dei prodotti agricoli, pesca e acquacoltura;

– fornitura di servizi alle imprese e alle persone;

– turismo.

CAUSE DI ESCLUSIONE DAL BENEFICIO I richiedenti non dovranno essere già titolari di attività di impresa in esercizio alla data del 21 giugno 2017, né potranno essere stati beneficiari, nell’ultimo triennio, a decorrere dalla data di presentazione della domanda, di ulteriori misure a livello nazionale a favore dell’autoimprenditorialità. Nel caso dei liberi professionisti, ovvero gli iscritti in ordini o collegi professionali oppure esercenti professioni non organizzate in ordini o collegi, non dovranno essere titolari di partita IVA per l’esercizio di un’attività analoga a quella proposta nei 12 mesi precedenti la presentazione della domanda di agevolazione.

PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE  La domande – che vengono valutate in ordine cronologico di arrivo – sono composte dal progetto imprenditoriale, da compilare on line, e dalla documentazione in allegato allegare.

Clicca qui per compilare e presentare la domanda

AGEVOLAZIONI Il finanziamento copre il 100% delle spese ammissibili e consiste in un contributo a fondo perduto pari al 35% dell’investimento complessivo e in un finanziamento bancario pari al 65% dell’investimento complessivo, garantito dal Fondo di Garanzia per le PMI. Gli interessi del finanziamento sono interamente coperti da un contributo in conto interessi.

Avv. Stefano FRANCHI

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.