TRASPORTO PUBBLICO: COME RIPARTIRA’?

Al fine di contrastare la diffusione del Covid-19 anche nel settore dei trasporti, sono state adottate specifiche misure sia livello nazionale che regionale.

A LIVELLO NAZIONALE Il D.P.C.M 17 maggio 2020 (consultabile al link https://www.gazzettaufficiale.it/eli/id/2020/05/17/20A02717/sg) contiene gli atti recanti misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19, che sono riassumibili nelle tre disposizioni che seguono:

  • il Protocollo condiviso di regolamentazione per il contenimento della diffusione del COVID-19 nel settore trasporto e logistica, di cui all’Allegato 14 del DPCM 17 maggio 2020;
  • le Linee guida per l’informazione degli utenti e le modalità organizzative per il contenimento della diffusione del COVID-19 (Allegato 15);
  • le misure previste dall’Allegato 12 contenente il Protocollo condiviso di regolamentazione delle misure per il contrasto e il contenimento della diffusione del virus Covid-19 negli ambienti di lavoro fra il Governo e le parti sociali. Tale Protocollo fornisce indicazioni operative che rappresentano un obbligo per i datori di lavoro delle attività produttive e professionali, allo scopo di incrementare negli ambienti di lavoro non sanitari, l’efficacia delle misure precauzionali adottate per contrastare l’epidemia di COVID-19.

TRASPORTO REGIONALE Per la Regione Abruzzo, ulteriori disposizioni nel settore dei trasporti (anche a mezzo di impianti a fune) e della logistica sono state previste dall’Ordinanza del Presidente della Giunta regionale n. 70 del 7 giugno 2020. Nell’Allegato alla succitata ordinanza sono contenuti 33 Protocolli di sicurezza; alla sezione 15 del predetto Allegato (consultabile al link https://www.regione.abruzzo.it/system/files/atti-presidenziali/2020/allegato-ordinanza-70-protocolli.pdf) è contenuto il Protocollo di sicurezza per i trasporti e la logistica, il quale contiene le misure e gli obblighi per responsabili e utenti del trasporto pubblico su gomma, ferroviario, a fune, aereo, marittimo e portuale.

RESPONSABILI DEI SERVIZI DI TRASPORTO PUBBLICO Sono previsti numerosi obblighi quali misure di carattere generale per i responsabili dei servizi di trasporto pubblico, tra i quali:

  • prevedere sistemi informativi e divulgativi sul corretto uso e gestione dei dispositivi di protezione individuale (mascherine, guanti etc.);
  • prevedere una sanificazione ed una igienizzazione dei locali, dei mezzi di trasporto e dei mezzi di lavoro deve essere appropriata e frequente (quindi deve riguardare tutte le parti frequentate da viaggiatori e/o lavoratori ed effettuata con le modalità definite dalle specifiche circolari del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità). Particolare attenzione deve essere prestata alla disinfezione dei locali aziendali comuni quali mense, sale autisti, servizi igienici;
  • installare dispenser di soluzioni disinfettanti ad uso dei passeggeri;
  • autorizzare l’operatore di esercizio, in caso di raggiungimento del numero massimo di passeggeri a bordo degli autobus, a rifiutare l’accesso di altri utenti. In tale caso lo stesso dovrà informare tempestivamente il proprio ufficio movimento, che provvederà con un servizio di rinforzo;
  • adozione da parte gestore delle stazioni, autostazioni, degli aeroporti e dei porti di misure organizzative, con predisposizione di specifici piani operativi, finalizzate a limitare ogni possibile occasione di contatto negli spostamenti all’interno delle medesime aree, ivi comprese quelle destinate alla sosta dei passeggeri, garantendo il rispetto della distanza interpersonale minima di un metro, escludendo da tale limitazione i minori accompagnati e i non vedenti se accompagnati da persona che vive nella stessa unità abitativa.

OBBLIGHI PER GLI UTENTI DEL SERVIZIO DI TRASPORTO PUBBLICO Anche per gli utenti sono stati previsti specifici obblighi, tra i quali:

  • divieto dell’uso del trasporto pubblico se si hanno sintomi di infezioni respiratorie acute e riconducibili all’affezione da Covid-19 (febbre superiore a 37,5° C, tosse, congiuntivite, raffreddore);
  • acquistare, ove possibile, i biglietti in formato elettronico, online o tramite app;
  • seguire la segnaletica e i percorsi indicati all’interno delle stazioni o alle fermate, mantenendo sempre la distanza interpersonale di almeno 1 metro dalle altre persone;
  • sedersi solo nei posti consentiti, mantenendo il distanziamento dagli altri occupanti;
  • negli spazi di attesa e sui mezzi pubblici usare una adeguata protezione del naso e della bocca (mascherina chirurgica o mascherina di comunità);
  • in caso di passeggeri che a bordo dei mezzi presentino sintomi riconducibili all’affezione da Covid-19 (tosse, rinite, febbre, congiuntivite), gli stessi devono prontamente segnalarlo all’autista che informa le Autorità Sanitarie alle quali spetta la decisione sull’eventuale modalità di trasbordo dai relativi mezzi.
  • al passeggero che presenti sintomatologia riconducibile al Covid-19 (tosse, rinite, febbre, congiuntivite), è richiesto, nelle more dell’eventuale operazione di trasbordo, di sedersi ad una distanza di almeno 2 metri rispetto agli altri passeggeri tramite una ricollocazione temporanea di questi ultimi, qualora disponibili.

LEGGE REGIONALE 3 GIUGNO 2020 N.10 La L.R. 3 giugno 2020, n. 10 contenente “Disposizioni urgenti a favore dei settori turismo, commercio al dettaglio ed altri servizi per contrastare gli effetti della grave crisi economica derivante dall’emergenza epidemiologica da COVID-19” (c.d. Cura Abruzzo 2) prevede infine incentivi per la realizzazione di percorsi cicloturistici nella provincia di Chieti (art. 23), incentivi per l’acquisto di mezzi di mobilità sostenibile (art. 24), un contributo alla società di gestione dell’Aeroporto d’Abruzzo SAGA S.p.A (art. 26). (Il testo della L.R. 3 giugno 2020, n. 10 è consultabile al link http://www2.consiglio.regione.abruzzo.it/leggi_tv/abruzzo_lr/2020/lr20010/Intero.asp).

Avv. Valentina DI ANTONIO

Condividi...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.