CHAT INTERCETTATE IN ITALIA E DECRIPTATE ALL’ESTERO: NECESSARIA UNA ROGATORIA?

Con la Sentenza n. 14725, depositata il 13 maggio 2020, la III sezione penale della Corte di Cassazione si è pronunciata sulla necessità o meno di una rogatoria internazionale per decriptare il contenuto di chat, nel caso in cui la comunicazione sia avvenuta sul territorio italiano, ma la decriptazione dei …

Condividi...

OFFESE ALL’INTERNO DI UNA VIDEO CHAT: E’ REATO?

La comunicazione fra persone negli ultimi decenni ha subìto dei radicali cambiamenti. Con particolare riferimento alle ultime settimane, l’interazione sociale è diventata quasi esclusivamente “virtuale”: sempre più frequenti, infatti, sono le video chiamate, che avvengono anche fra più soggetti contemporaneamente. Nonostante i molteplici benefici, sono tuttavia diversi i problemi che …

Condividi...

LE OFFESE AL DATORE DI LAVORO CONTENUTE IN UNA “CHAT” RISERVATA NON COSTITUISCONO MOTIVO DI LICENZIAMENTO

L’applicazione dei principi costituzionali ai casi che coinvolgono l’utilizzo di social network, trova una nuova interessante regolazione nella recente Sentenza della Cassazione, Sezione Lavoro, N. 21965 del 10 settembre 2018. La fattispecie: durante una discussione all’interno di una chat privata di Facebook, un dipendente apostrofa l’amministratore delegato della sua azienda …

Condividi...